Sensori PR.E.SE.

La soluzione PR.E.SE. (PRedictive Electrical SEnsors) consente il monitoraggio wireless costante della temperatura dell'equipaggiamento elettrico, basato sulla tecnologia RFID (Radio Frequency Identification) in banda UHF. Questi sensori giocano un ruolo fondamentale nella prevenzione del surriscaldamento delle apparecchiature elettriche (temperatura critica >120°C) dovuto al sovraccarico, alla corrosione, a collegamenti allentati e condizioni ambientali difficili e permettono di eseguire una manutenzione predittiva dell’isolamento elettrico, il cui invecchiamento è particolarmente influenzato dall’aumento della temperatura. Grazie a questa soluzione è possibile migliorare le prestazioni dell’impianto e prolungarne il ciclo di vita. C.R. Technology Systems ha sviluppato questa soluzione, in collaborazione con la start-up Radio6ense, nata come spin-off dell'Università di Roma Tor Vergata (www.radio6ense.com).

Caratteristiche tecniche
  • Digital Technology: misurazione e trasmissione digitalizzate (possibile integrazione in sistema SCADA)

  • Wireless: tag senza fili che comunicano utilizzando campi elettromagnetici

  • Funzioni Smart (es. RSSI): possibilità d’integrare sensori aggiuntivi come il livello di umidità, le scariche parziali e le vibrazioni

  • Estrema stabilità: grazie al semplice tracciamento del debug

  • Nei quadri elettrici, vengono solitamente inseriti nei punti critici: sistema sbarre, contatti (fissi o mobili) dell’interruttore, barre di collegamento cavi di alimentazione

  • Il sistema hardware è composto da: sensori, antenna, reader, modbus gateway

  • Sicurezza: trasmissione accompagnata da CRC Check, senza rischi d’interferenze

Vantaggi
  • Adattabile: i tag possono essere applicati a qualsiasi tipo di superficie e ambiente, e in qualsiasi condizione atmosferica

  • Affidabile: i tag non hanno batteria e non richiedono manutenzione dopo la loro applicazione

  • Modularità: i sensori sono dotati di un’architettura modulare e scalabile. Può essere applicato un alto numero di sensori indirizzabili in modo univoco

  • Vantaggio economico: consente costi più limitati rispetto a quella tradizionale (basata sulle onde sonore)

  • Accuratezza: i sensori con ID prevengono errori di lettura

  • Retrofit: possibilità di integrare i sensori in impianti già operativi, allungandone il ciclo di vita

  • Maggiore efficienza del sistema: consentono di minimizzare i guasti dell’impianto, grazie all’integrazione al’IoT per pianificare la manutenzione predittiva

  • Prodotti personalizzati: grazie alle diverse forme e superfici dei sensori, e alla possibilità d’integrarli in numero variabile a seconda delle esigenze del cliente

Applicazioni
  • Quadri elettrici di media tensione

  • Cabine elettriche / switching station

  • Cabine di trasformazione

  • Sottostazioni mobili

  • Sistemi fotovoltaici

  • Impianti eolici

  • Impianti di generazione e di distribuzione elettrica

Documento
Dimensione
Link Download
Sensori PR.E.SE. (PRedictive Electrical SEnsors): applicazione quadri elettrici
3.25 MB
Sensori PR.E.SE. (PRedictive Electrical SEnsors): applicazione fotovoltaico
3.02 MB
Sensori PR.E.SE. (PRedictive Electrical SEnsors): applicazione parchi eolici
1.21 MB

Progetti correlati

Sottostazione AT 132kV

Adria, Loc. Smergoncino (Italia)

Il progetto, frutto di un’importante partnership, ha avuto come cliente finale una realtà industriale storica nella località di Smergoncino, in provincia di Rovigo. Il consolidato know-how, maturato nell’ambito dell’alta tensione, ha consentito d’implementare la potenza al servizio di un impianto.

Retrofit di sottostazioni elettriche di alta tensione (AT)

Artemisa (Cuba)

Il progetto ha previsto un'opera di retrofit di sottostazioni di alta tensione, precedentemente realizzate e gestite dall’ente elettrico nazionale.